.
Annunci online

Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte



Una frase al giorno...
Il grand'uomo ha due cuori:
l'uno sanguina,l'altro sopporta

-Kahlil Gibran


________________
DISCLAIMER
________________

IL PROVERBIO DEL MESE:

DICEMBRE

"Dicembre gelato

non va disprezzato"

NOVEMBRE

"Novembre va in montangna

e abbacchia la castagna"

OTTOBRE

"Ottobre piovoso,

campo prosperoso."

SETTEMBRE

"Aria settembrina fresco la sera

e fresco la mattina."

AGOSTO

"La prima pioggia di agosto

rinfresca il bosco"

LUGLIO
"Luglio soleggiato, vino a

buon mercato"

GIUGNO

"Giugno la falce in pugno"

MAGGIO

"Chi pota di maggio e zappa di agosto

non raccoglie né pane né mosto"
APRILE
"Aprile carciofaio,maggio cilegiaio"

MARZO

"Chi nel marzo non pota la sua vigna,

perde la vendemmia" 

FEBBRAIO

"Non c'è carnevale senza

luna di Febbraio"

GENNAIO

"Gennaio rigoroso anno felice"

UN FRUTTO AL MESE:

DICEMBRE

NOVEMBRE

OTTOBRE

 

SETTEMBRE

AGOSTO

LUGLIO

GIUGNO

MAGGIO

APRILE

MARZO

FEBBRAIO

GENNAIO

UN FIORE AL MESE:

DICEMBRE

NOVEMBRE

OTTOBRE

SETTEMBRE

AGOSTO

LUGLIO

GIUGNO

MAGGIO

APRILE


MARZO

 

FEBBRAIO


GENNAIO

DICEMBRE

NOVEMBRE

OTTOBRE

SETTEMBRE

AGOSTO

 

LUGLIO

 

 

 

 

 

 

GIUGNO

MAGGIO

APRILE

MARZO

CULTURA
I simboli della Pasqua: Il Cero
1 aprile 2015

Il cero pasquale è il simbolo di Cristo, la sua accensione avviene all'inizio della solenne Veglia pasquale, e simboleggia la luce di Cristo risorto, ossia rappresenta la nuova vita che ogni fedele riceve da Cristo e che, strappandolo alle tenebre, lo porta nel regno della luce. Il rito prevede che all'inizio della veglia pasquale l'assemblea sia radunata in un luogo illuminato solo dal fuoco. Dopo aver benedetto il fuoco, il sacerdote incide una croce, simbolo di Cristo, sul cero pasquale; poi incide l'alfa e l'omega, prima e ultima lettera dell'alfabeto greco, per indicare che Cristo è il principio e la fine di tutte le cose; infine incide le cifre dell'anno per significare che Gesù, Signore del tempo e della storia ,vive oggi per noi. Dopo l'accensione del cero con il fuoco i fedeli s’accostano al cero per accendere le candele e  una processione lo accompagna all’interno della Chiesa. Questa processione di fedeli simboleggia il nuovo popolo di Dio, che segue Cristo risorto, luce del mondo. Durante i cinquanta giorni del tempo di Pasqua, il cero pasquale viene acceso in tutte le celebrazioni, fino al giorno di Pentecoste. Durante la messa di Pentecoste si spegne il cero pasquale con la stessa solennità con la quale è stato accesso durante la Veglia pasquale.

CULTURA
I simboli della Pasqua: La palma
24 marzo 2013
http://i39.tinypic.com/288pol.jpg

La palma racchiude diversi simboli, è considerato simbolo della Dea Nike o Vittoria, pertanto i guerrieri vincitori e l’audacia dei gladiatori romani veniva riconosciuta con una corona fatta di rami di palma. Diana abbracciava una palma perché cresceva ad ogni rinnovarsi della Luna. Per i Romani la palma rappresentava la vittoria e la lunga vita. Per la giustizia era il simbolo dell’uguaglianza perché produceva frutti e foglie di uguale peso, perciò incorruttibile come doveva essere un uomo di legge. Era considerata una pianta bisessuale e per questo si incrociavano i suoi rami per le nozze, ad indicare l’amore coniugale. In Liguria è tutt’ora usanza benedire rami di palma intrecciati per poi donarli .Indica longevità, poiché da frutti anche quando è datata. Nella iconografia cristiana riveste una importanza notevole in quanto  eretto ad  l’albero benedetto da Dio perché Maria aveva trovato ristoro sotto le foglie di  un palmizio nel deserto. E’ messa tra l’alfa e l’omega è considerata il simbolo di Gesù, nelle catacombe se veniva posta accanto all’ orante significava che aveva raggiunto la beatitudine .Molti Santi sono rappresentati con la palma tra questi vanno ricordati oltre la Vergine Maria Assunta, S.Bruno, S.Pietro, S.Filomena,s.Girolamo,ma la solennità della palma è raggiunta nella Domenica delle Palme che si celebra la domenica prima della Pasqua,dove i rami di palma vengono benedetti  per suggellare il ricordo dell’entrata di Gesù a Gerusalemme sul dorso di un asino,mentre la folla lo chiama "Messia e Re d’Israele” acclamandolo  e agitando rami di palma


http://terrasiniblog.files.wordpress.com/2010/03/palme.jpg
12 Il giorno seguente, la gran folla che era venuta per la festa, udito che Gesù veniva a Gerusalemme, 13 prese dei rami di palme e uscì incontro a lui gridando:Osanna!
Benedetto colui che viene nel nome del Signore,
il re d'Israele!
14 Gesù, trovato un asinello, vi montò sopra, come sta scritto:
15 Non temere, figlia di Sion!Ecco, il tuo re viene,seduto sopra un puledro d'asina.
(Dal Vangelo secondo Giovanni 12-12-15)

sfoglia
marzo        maggio